Il gruppo WhatsApp

Affermatosi rapidamente come strumento principale di comunicazione tra i genitori, WhatsApp si rivela lo strumento di comunicazione più controverso.
Riconosciuto ormai come strumento “quasi istituzionale”, perché a volte utilizzato dagli stessi insegnanti attraverso i rappresentanti di classe per trasmettere informazioni ai genitori, si mostra efficace per il fatto di:

  • fare fronte alle difficoltà di comunicazione tra rappresentanti e genitori,
  • permettere di raggiungere le persone in modo rapido,
  • consentire di condividere materiali didattici e informazioni su aspetti organizzativi,
  • aiutare chi ha meno contatti con la scuola a compensare la mancanza di informazioni.

Il gruppo WhatsApp, tuttavia:

  • finisce con il ridurre la partecipazione diretta anziché farla aumentare,
  • è un contesto dove si scambiano informazioni spesso parziali o improprie,
  • diventa moltiplicatore e amplificatore di informazioni sbagliate e di conseguenti ansie dei genitori.

  • 01

    image-1

    Esperienze/proposte di miglioramento

    Si richiede una efficace funzione di leadership per gestire la partecipazione nel gruppo virtuale dei genitori, evitando che travalichi i limiti temporali e tematici che sono funzionali per una comunicazione efficace sugli argomenti legati alla vita scolastica dei figli.