“Nuovi scenari del mondo del lavoro. Come scuola e famiglia possono cooperare”.

Tra le attività formative previste nel progetto “Le parole a scuola: alla ricerca di un’alleanza perduta” rientra anche l’erogazione di un corso di formazione dal titolo:
“I Nuovi scenari del mondo del lavoro. Come scuola e famiglia possono cooperare” ha visto la partecipazione di un cospicuo numero di docenti afferenti ai tre Istituti coinvolti nel progetto. Il percorso formativo si è articolato in tre incontri da tre ore ciascuno svolti in modalità sincrona su piattaforma Meet.

Finalità strategica

L’intervento pone al centro dell’attenzione l’esigenza di recuperare e consolidare le modalità di scambio e di collaborazione tra scuola e famiglie in generale e nello specifico sulle problematiche dell’orientamento e della gestione della “carriera” educativa-formativa e professionale degli alunni/figli.

I cambiamenti e le trasformazioni in atto nello scenario e negli stili di vita impongono, inevitabilmente e conseguentemente, la necessità di riformulare il concetto e le pratiche dell’orientamento, della gestione dei percorsi di educazione-formazione, di approccio al mondo del lavoro, ecc. e, sul piano sistemico, di rifondare le modalità di comunicazione, integrazione tra scuola e famiglie, fondate su un nuovo patto che consenta la valorizzazione delle risorse e delle potenzialità individuali.

Obiettivi

Gli obiettivi dell’intervento di formazione rivolto agli insegnati sono:

  • declinare e riposizionare il tema dell’orientamento con riferimento sia all’attuale scenario del mercato del lavoro e delle professione che alla diversa articolazione dei percorsi educativi e formativi,
  • individuare e articolare le modalità di comunicazione e scambio tra scuola e famiglia in tema di orientamento declinato rispetto ai diversi ordini di scuola,
  • riposizionare il sistema di aspettative reciproche tra scuola e famiglia sulle funzioni consulenzali e di sostegno per l’individuazione dei percorsi educativi-formativi degli alunni.

Durata e metodologia

  1. durata dell’intervento: 3 incontri di 3 ore
  2. metodologia didattica: si prevedono momenti di condivisione di stimoli concettuali teorici riferiti al tema prescelto, l’elaborazione di metodologie e strumenti di rilevazione e d analisi e momenti dedicati ad attività “out-door”, cioè di applicazione e riscontro empirico nel contesto operativo dei seggetti coinvolti.

Programma

1° incontro:

  • dall’orientamento riproduttivo all’orientamento per il potenziale
  • carriera scolastica e carriera professionale: continuità e discontinuità

2° incontro:

  • competenze: uno spazio di definizione
  • leggere e valutare le competenze

3° incontro:

  • chi orienta chi?: ruoli e funzioni consulenziali
  • elementi comuni tra scuole e famiglie sul tema dell’orientamento

La valutazione

La valutazione dei risultati si basa sul riscontro delle adeguatezza ed efficacia della strumentazione esperienziale predisposta assunta come indicatore/riscontro dello sviluppo e consolidamento di una diversa concezione e della funzione orientativa. La valutazione ex post riguarda, invece, le declinazioni operative sviluppate in merito alle modalità comunicative e di interscambio nelle pratiche orientative tra scuola e famiglie.

La proposta formativa è proseguita prevedendo il coinvolgimento di una rappresentanza di genitori dei tre istituti romani aderenti al progetto, partecipazione preziosa e fondamentale per aprire un dialogo e confronto con le famiglie degli studenti, che sono gli attori e i protagonisti dei temi trattati. Per maggiori dettagli sulle tematiche affrontate nei due incontri sono disponibili qui.

Link agli articoli di approfondimento:

Orientare per esplorare il futuro: quale nuova alleanza tra scuola e famiglia?

Orientare per esplorare insieme il futuro: genitori e docenti a confronto